Lista di nozze…

per una fattoria ideale

Cari amici,
per il nostro matrimonio abbiamo pensato ad una lista di nozze un po’ particolare, forse anche un po’ eccentrica, ma che vi permetterà di contribuire concretamente alla realizzazione della “fattoria ideale”, l’unica cosa di cui sentiamo veramente la necessità.

È per questo che nei riquadri riprodotti qua sotto troverete elencati i progetti che riguardano la Fattoria e che abbiamo iniziato a sviluppare due anni fa.
Ognuno di voi può scegliere  – se lo desidera – quale sente più vicino e dare il suo contributo per il suo sviluppo.
Cliccando all’interno del riquadro che volete sostenere troverete la descrizione, quello di cui abbiamo bisogno e le indicazioni per dare il vostro contributo.

  • Animali

    La vita in campagna all’aria aperta per molti rappresenta la libertà, il vero rapporto con la natura che l’uomo dovrebbe avere e per noi tutto questo si deve coniugare con l’amore e il rispetto per gli animali e la volontà di condividere questa avventura.

    Vediamo la fattoria didattica in un’ottica di fruizione ma anche di attenzione e rispetto, per cui non concepiamo un rapporto con l’animale esclusivamente come attrazione ma siamo attenti a garantirgli spazi, tempo e condizioni di vita adeguate.

    Da qui la scelta di inserire gli animali un po’ alla volta cercando di occuparcene al meglio.

     

    Conigliera 

    Allestimento di un’area dedicata ai conigli, all’interno del pollaio, ma separato e indipendente: servono reti anti-scavo da mettere a terra, casette coibentate, reti e pali per terminare la recinzione.

     

    Asineria

    Prenderà posto nell’ovile ma necessita un ampliamento della recinzione, in modo da garantire spazio adeguato ai nuovi ospiti: servono reti e pali, più un discreto lavoro manuale per l’allestimento e l’apertura di un cancello interno per far comunicare il nuovo pascolo con l’area “notte”.

  • Teatro

    Il nostro teatro (nella versione interna, in sala e in quella esterna, tra gli ulivi) è uno spazio di rappresentazione, di godimento e di purificazione nello stesso tempo per cui gli eventi che andiamo a proporre sono sempre piccoli momenti di piacere ma anche di riflessione, lontano dagli standard tipici che la musica dei nostri tempi propone, dove la musica e l’arte in generale sono solo intrattenimento e commercializzazione. La costruzione di un’area adatta richiede strutture che siano in armonia con il paesaggio e che vadano ad integrarsi con questo e non a svettare.

     

    Palco

    (almeno un 6×4), sormontato da travi e travicelli per sostenere una copertura semisferica (tipo conchiglia) per favorire una buona acustica; faretti per l’illuminazione del palco e dell’area circostante; corrimano che facciano da guida per accedere alle sedute; sedute per il pubblico fatte con balle di fieno o con bancali (meglio), con cuscini.

  • Aree attrezzate

    Le aree esterne sono zone pensate per il relax e per il benessere delle persone che possono venire e riposarsi una giornata, godendo del silenzio, del panorama, degli odori.

    Immaginiamo una valorizzazione dei terreni tale da consentire alla coppia di fare una passeggiata romantica prima di cena, al gruppo classe di esplorare in sicurezza le terrazze e la zona boschiva, alle famiglie di trovare spazi attrezzati per il gioco dei bambini e per un semplice pic-nic.

     

    Servono dei corrimano che facciano da guida e da sostegno; faretti con sensore per illuminare il passaggio delle persone dopo il tramonto; 4/5 aree sosta dotate di tavoli con panche e di gazebo per dare ombra e riparo per chi vuol fare un picnic oppure semplicemente starsene a leggere un libro in silenzio o a meditare.

  • Aree Agricole

    L’area agricola nella nostra idea dovrebbe essere un’area sviluppata in modo da dare la possibilità di seminare e raccogliere prodotti freschi, con metodi sempre in armonia con l’ecosistema che ci circonda; il sogno sarebbe di poter avviare una produzione tale da rifornire direttamente anche il ristorante con i prodotti dei nostri orti.

     

    Recupero dell’acqua piovana

    Vorremmo finalmente predisporre un sistema per la raccolta dell’acqua piovana: servono serbatoi per il recupero, attrezzatura per il ripristino delle grondaie, tubi e rubinetti.

     

    Orti

    Per poter continuare e incrementare la produzione servono: attrezzature varie per lavorare la terra, annaffiatori, tunnel per orto invernale.

     

    Frutteto

    Il frutteto già esistente ha bisogno di una manutenzione straordinaria; vorremmo inoltre impiantare nuovi alberi; servono: attrezzi per la potatura, pale per lo scavo dei letti per i nuovi impianti, nuovi alberi da frutto.

     

    Uliveta

    È già presente, in tutto sono circa trecento piante; la difficoltà sta nel mantenere l’erba sempre tagliata e gli ulivi potati per favorire la raccolta.

    Molto bello sarebbe tenere in ordine il sentiero che dal fondo valle porta, attraverso il bosco, alla zona pianeggiante dove sono presenti dei piccoli ulivi  piantati in questi anni.

Per dare il tuo contributo

puoi fare un versamento sul conto

IT 50 D 05232 71131 0000 2016 0115

riportando come causale il nome del progetto.

Un ringraziamento ad Eva Silvestri per i bellissimi disegni